Let’s talk about sex
Articolo

Let’s talk about sex

“Coooosa? Si possono prendere le malattie anche con il sesso orale?!” mi chiede S., 16 anni, prima superiore (per la seconda volta), con gli occhi pieni di paura… Ok, in realtà S. non ha usato proprio l’espressione “sesso orale”, ma il significato è quello. Troppo spesso nel nostro lavoro ci troviamo di fronte ragazzi che...

Lavoro di gruppo: la nuova frontiera dell’educazione
Articolo

Lavoro di gruppo: la nuova frontiera dell’educazione

“Dobbiamo studiare la Romania, tutte le parti sottolineate” mi dicono Giovanni e Sara stremati dopo sei ore di scuola. “Sembra tutto importante ma è troppo da memorizzare, mi aiuti almeno a leggere?” chiede Luca alla sua mamma appena la vede rientrare dal lavoro. “Bella la conferenza di stamattina, ho dormito per tutto il tempo” riporta...

La vacanza con i bambini: diversamente riposante
Articolo

La vacanza con i bambini: diversamente riposante

Lunedì mattina rientro dalla vacanza con i miei bambini e i colleghi mi chiedono: riposata?….riposata?? Ma come noi genitori sappiamo, una vacanza riposante con i bambini è un po’ come il ghiaccio bollente: un ossimoro. Formazione della vacanza: Mattia, piccoletto di 2 anni e mezzo, Elisa, sorella “grande” di sette anni e mezzo, nonna Cesy,...

Articolo

La coppia tra sogno e realtà

Perchè ci si sposa se poi i matrimoni falliscono? cosa aspettarsi dalla vita insieme? sono alcune domande da cui si snoda l’approfondimento psicologico di oggi: la dimensione della coppia La coppia è un’entità a sè stante, più della somma dei singoli. “Due non è il doppio ma il contrario di uno, della sua solitudine. Due...

La giornata tipo di uno psicoeducatore
Articolo

La giornata tipo di uno psicoeducatore

Milletrecentoventitrè psicologi lavorano come educatori. Sì ok è un numero a caso, ma vi assicuro che sono tanti. Da dove vengono? Cosa fanno? Perché lo fanno? Non lo sanno neanche loro. Ma vediamo insieme la loro giornata tipo. Ore 6:00 – La sveglia Lo psicoeducatore si sveglia e fa colazione in modalità zombie, sprizzando gioia...

C’era una volta… la narrazione nel lavoro educativo
Articolo

C’era una volta… la narrazione nel lavoro educativo

“Le parole sono la nostra massima e inesauribile fonte di magia” insegnava il saggio Professor Silente al maghetto Harry Potter. Anche senza scuole di stregoneria, la nostra vita quotidiana è impregnata di narrazione e prende forma attraverso la narrazione. All’interno della relazione educativa la narrazione diventa anche dispositivo della progettazione pedagogica attraverso le storie che...

“Ti sparo!” I bambini e le armi giocattolo
Articolo

“Ti sparo!” I bambini e le armi giocattolo

Valerio, si presenta un giorno a scuola con una pistola. Giocattolo. La maestra gli dice che a scuola certi giochi non si usano e di non portarla più! Luigi, costruisce con i Lego un mitra. La maestra arabbiata si avvicina e gli dice: “Ma hai costruito un mitra?” Lui risponde: “Ma maestra non è un...

“Capricci”: strategie per l’uso!
Articolo

“Capricci”: strategie per l’uso!

Nel mio articolo “I capricci esistono?”ci siamo occupati di come interpretare e comprendere meglio i momenti in cui i bambini piccoli ci mettono in difficoltà e del perché sia più funzionale evitare di liquidarli come capricci, intesi come comportamenti bizzarri e incomprensibili. Ora è il momento di passare al concreto. Che fare, cosa dire quando...

Il potere della noia
Articolo

Il potere della noia

Il potere della noia Federico ha 9 anni e frequenta la classe quarta della scuola primaria. La sua vita assomiglia a quella di tanti bambini della sua età. 07.30: sveglia e colazione, guardando un po’ di tv o giocherellando con il tablet 07.55: tutti pronti ad uscire di casa, tra urla, corse, minacce e paura...

L’adultità oggi tra precocità e immaturità
Articolo

L’adultità oggi tra precocità e immaturità

 “Lo sguardo psicologico” odierno mette sotto i propri riflettori una caratteristica del processo maturativo delle persone che sembra avere elementi universali e planetari. Parlo della difficoltà a riconoscere la fase dell’adultità! Riconoscimento che si basa su due livelli complementari: l’autopercezione e la rappresentazione sociale.

  • 1
  • 2